Di notte e di follia. Alda Merini e la vita verosimile con don Paolo Scquizzato

Tra Névache e Bardonecchia si stendono i boschi di pini della Valle Stretta e il cielo si specchia nell’acqua smeraldina del Lago Verde.

Natura&cultura. Dal grande cedro alla cappella dei colori con Tiziano Fratus, Riccardo Falcinelli

Lungo i sentieri di La Morra, tra i vigneti delle Langhe, natura e arte assumono le forme inconfondibili di un grande cedro e di una coloratissima cappella.

Seconda stella a destra con Franco Michieli

Attraverso i panorami della Val Chisone fino al rifugio Selleries.

Nel nero, un punto di bianco. Nel bianco, un punto di nero con Davide Iavarone

Il Pian della Mussa, morbido altipiano erboso contornato da una rocciosa corona di vette e ghiacciai, è lo scenario ideale per accogliere un’itineranza dedicata a riscoprire l’armonia degli opposti.

Di notte e di follia. Alda Merini e la vita verosimile (in notturna) con don Paolo Scquizzato

Su per i sentieri boscosi fino alle sponde del Lago Verde, cena al rifugio Re Magi.

Dai patriarchi verdi alle antiche mura con Carlo Grande, Mariusz Wilk

Faggete, boschi d’abeti bianchi e poggi panoramici collegano il Vallone del Cavallo al Vallone di San Bruno.

L’ora della veglia con insegnanti YANI Claudia Braga, Elena Borda, Sabrina Querella

Il Pian dell’Azaria è un anfiteatro che ridesta corpo e spirito.