Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards

Torino Spiritualità porta in città un’eccellenza del teatro internazionale. È il Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards, fondato nel 1986 a Pontedera. Per 13 anni, fino alla sua morte avvenuta nel 1999, Jerzy Grotowski ha sviluppato al Workcenter una linea di “ricerca sulle arti performative” conosciuta come “Arte come veicolo”. All’interno di questa investigazione creativa, ha lavorato a stretto contatto con Thomas Richards, da lui chiamato il suo “collaboratore essenziale”, e cambiando infine il nome del Workcenter per includere quello di Richards. Durante questi anni di intenso lavoro pratico, Grotowski ha trasmesso a Richards il frutto della ricerca della sua vita, ciò che lui ha chiamato “l’aspetto interiore del lavoro”. Grotowski ha designato Richards e Mario Biagini, fin dall’inizio un membro chiave del gruppo di lavoro e attualmente suo direttore associato, come i soli legatari dei suoi beni, incluso l’intero corpus dei suoi testi, specificando che questa designazione era una conferma della propria “famiglia di lavoro”. Dalla morte di Grotowski nel 1999, Richards e Biagini hanno continuato a sviluppare in nuove direzioni la ricerca del Workcenter sulle arti performative.

Dal 2007 il Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards ospita due gruppi di lavoro: il Focused Research Team in Art as Vehicle di Thomas Richards, e il gruppo di Open Program diretto da Mario Biagini.

È proprio Open Program – che si avvicina al nucleo più intimo del teatro, il momento di un contatto significativo tra esseri umani – ad arrivare a Torino con due performance, Incontro cantato / Open Choir e Le Parole Nascoste / The Hidden Sayings.

 

Incontro cantato / Open Choir con Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards - Open Program

I partecipanti sono invitati (e non tenuti) a unirsi al canto, alla danza, o a sostenere ciò che succede con la loro semplice ma importante presenza.

Le Parole Nascoste / The Hidden Sayings con Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards - Open Program

Un’esplorazione dell’interazione fra canti del Sud degli Stati Uniti, appartenenti alla tradizione degli schiavi, e testi legati alla prima cristianità.

Leave a Comment